MENU

Test 1000 metri di dislivello con bici elettrica Bosch

4 Novembre 2015 • Ultime notizie

Introduzione

test 1000 metri dislivello bici elettrica

Una delle domande poste più spesso da chi si avvicina per la prima volta al mondo delle bici elettriche è: “quanto dura la batteria?”. Le batterie al litio moderne hanno una autonomia molto migliore rispetto alle batterie al piombo che si usavano fino a qualche anno fa: al giorno d’oggi l’autonomia è di solito più che sufficiente per chiunque.

L’autonomia di una bici elettrica si misura di solito in chilometri. Questa unità di misura ha senso se il dislivello da coprire non è eccessivo, cioè se le salite sono una parte relativamente piccola del percorso da compiere. Quando però l’elemento verticale si fa importante, e si vogliono coprire dislivelli elevati, è meglio misurare l’autonomia di una bici elettrica in termini di metri di dislivello superabili. Proprio per spiegare meglio queste questioni abbiamo deciso di fare un test: 1000 metri di dislivello su una bici elettrica Bosch. Com’è il consumo di batteria dopo uno sforzo del genere? Andiamo a scoprirlo insieme.

La bici

bici elettrica Cube con motore Bosch

La bici scelta per questa prova è la bici che abbiamo in test in questo periodo, una Cube Hybrid SUV Race 500 27,5. Si tratta di una bici dotata di un classico motore Bosch Performance Line (standard, non la versione CX), abbinato però ad alcuni componenti molto particolari: una trasmissione a cinghia, e un cambio automatico a variazione continua Nuvinci N380. La batteria è la nuova da 500Wh. Si tratta di una bici di alta gamma, dalla vocazione sportiva, con componenti di ottima qualità.

(Ecco la recensione approfondita della bici; e qui il test del cambio NuVinci N380).

La location

salita in bici elettrica

Per testare il consumo di una batteria facendo 1000 metri di dislivello è necessario andare in montagna. Abbiamo scelto il parco naturale dei Monti Simbruini nel Lazio, che in questi giorni offre panorami stupendi grazie alle sue immense faggete vestite per l’autunno. Siamo partiti da un punto poco sopra Subiaco, a quota 450 metri slm; seguendo la SP40b siamo arrivati fino a Cervara di Roma (1050 metri slm) e da lì fino alla località Campaegli (1450 metri slm) per coprire i 1000 metri di dislivello.

Il test

  • Data: 31 ottobre 2015
  • Temperatura: circa 13° (le batterie al litio danno il meglio di sé a temperature intorno ai 20°; a 13° c’è una perdita di efficienza stimabile intorno al 5%)
  • Motore: Bosch Performance Line 2015
  • Batteria: Power Pack 500 Bosch (capacità effettiva: 482,4Wh)
  • Livello di assistenza selezionato: Tour (il secondo su quattro; con questa modalità il motore aumenta del 110% la potenza espressa dal ciclista) NB: è “solo” il 110% perché la bici ha un cambio al mozzo; con un cambio a deragliatore si arriva al 120%.
  • Cadenza di pedalata: impostata tramite il sistema Nuvinci H|Sync a 75 pedalate al minuto
  • Fondo stradale: asfalto in buone condizioni
  • Peso bici: 21,2 kg
  • Peso ciclista (incluso vestiario e zainetto): 83 kg

La salita presenta pendenze regolari, quasi sempre intorno al 6%, con un breve tratto leggermente meno pendente. La costanza delle pendenze la rende ideale per calcolare l’autonomia della batteria.

panorama Cervara di roma  altro panorama Cervara

panorama Cervara   panorama Campaegli

Primo tratto: 2 km al 5,7%

Nel primo tratto, lungo circa 2 km, la pendenza media si attesta intorno al 5,7%. La velocità media è stata di circa 17 km/h.

Secondo tratto: 4 km al 4,2%

Dopo un breve tratto pianeggiante, la salita continua con 4 km al 4,2% di pendenza media. La velocità di conseguenza è salita attestandosi intorno ai 23 km/h.

Terzo tratto: 12,4 km al 6%

Il tratto finale ha una pendenza abbastanza costante, intorno al 6%. La velocità media è stata pari a circa 16 km/h.

panorama su Cervara di Roma

Consumo di batteria dopo 1000 metri di dislivello

Sappiamo da quanto afferma Bosch che ogni tacca di consumo della batteria rappresenta il 20% di carica. Abbiamo notato che la seconda tacca si è spenta (ne sono rimaste quindi accese tre) a quota 1240, dopo 800 metri di dislivello. La batteria era quindi consumata per il 40% (circa 200Wh). Poiché le pendenze della salita sono costanti, e anche la velocità a cui siamo andati si è mantenuta costante a parità di pendenza, una semplice proporzione matematica ci porta a capire che 1000 metri di dislivello fanno consumare la batteria al 50% circa (questo dato è confermato da quanto abbiamo notato nel proseguire il giro in bici, con la terza tacca che si è spenta solo dopo un bel po’).

bici elettrica e panorama CampaegliQuesto dato è coerente con quanto rilevato già da molti appassionati utilizzatori del sistema Bosch: ogni 100Wh della batteria si riescono a coprire 400 metri di dislivello. Naturalmente l’autonomia di una bici elettrica deriva da moltissimi fattori, la cui influenza (in senso positivo o negativo) può essere anche molto forte, quindi voi potreste avere risultati migliori o peggiori di quello ottenuto da noi.

Dati molto simili possono essere ottenuti con altri sistemi per bici elettriche dal funzionamento analogo a quello Bosch, come ad esempio i motori Yamaha, Shimano STEPS, Brose o Impulse: si tratta infatti anche in questo caso di motori centrali, da 250W, con sensore di potenza per erogare una potenza proporzionale a quella del ciclista. Naturalmente i dati sono comparabili se si usa un livello di assistenza simile, che raddoppi o poco più la potenza del ciclista. Bici elettriche basate su motori al mozzo e/o con sensori di pedalata potranno dare risultati molto diversi (per maggiori informazioni: sensori di pedalata per bici elettriche).

torta e cioccolata calda

Di solito a essere maggiormente interessati a un test di questo tipo (1000 metri di dislivello in bici elettrica) sono i bikers, coloro cioè che hanno o sono interessati a una mtb elettrica. È con le mtb o con le bici da corsa infatti che solitamente l’elemento verticale (il dislivello) può avere una maggiore importanza rispetto all’elemento orizzontale (la distanza percorsa). Abbiamo già fatto un test simile nel corso della prova della mtb elettrica Focus Throne, ricavando risultati compatibili. Ripeteremo questo test con una mtb elettrica Bosch non appena ne avremo una a disposizione per una prova prolungata.

Per approfondire questi argomenti potete leggere il nostro articolo sulle batterie per bici elettriche.


Ti potrebbe interessare anche:
Recensione approfondita della bici usata per questo test
Test del cambio NuVinci N380 montato su questa bici, automatico e a variazione continua

Ti potrebbe interessare anche:

il nostro manuale sulle bici elettriche (in formato cartaceo o ebook).

il nostro corso sulle bici elettriche

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »