MENU

In panne con l’auto? È la bici elettrica a salvarti

11 Aprile 2016 • Ultime notizie

In due città tedesche, Berlino e Stoccarda, l’ADAC sta sperimentando l’uso di bici elettriche per assistere gli automobilisti rimasti in panne. I ciclisti-meccanici potranno raggiungere velocemente le persone che necessitano di aiuto, anche in caso di traffico pesante.

bici elettrica Adac

Immaginiamo la scena: siete incolonnati nel traffico dell’ora di punta a Stoccarda, patria della Porsche e della Mercedes-Benz. A un certo punto, sul cruscotto della vostra automobile da decine di migliaia di euro si accende una spia rossa, e la macchina si ferma, peggiorando ancora di più le condizioni del traffico. Essendo soci dell’ADAC (l’ACI tedesca), telefonate per avere un pronto intervento, ma un dubbio improvvisamente vi assale: come farà l’ADAC ad arrivare presto a salvarvi, con tutto questo traffico? Quanto dovrete restare ad aspettare?


In realtà l’ADAC arriverà rapidamente ad aiutarvi, grazie a una… bici elettrica, che potrà sfrecciare rapidamente superando le file di automobili incolonnate. Per ora la sperimentazione sta partendo a Berlino e Stoccarda, con quattro bici elettriche (due per città) pronte a intervenire.

ebike adacLe bici elettriche in questione sono delle Haibike (una mtb e tre bici da città) con motore Bosch, equipaggiate con un carrellino posteriore sul quale viene trasportato un kit di pronto intervento molto simile a quello che l’ADAC usa sui più classici camioncini. Il peso del kit è di circa 70kg, massa difficile da trasportare in bici senza l’ausilio del motore. La differenza principale con i kit presenti sui camioncini è che sulle bici non ci sono batterie di ricambio, né liquidi come acqua e benzina; anche il cric manca, e si dovrà usare quello dell’automobile in panne. Per trasportare tutto questo peso è probabile che i ciclisti sceglieranno un livello di assistenza alto: l’autonomia comunque non dovrebbe essere un problema, poiché le bici saranno dotate di due batterie da 500Wh l’una (una montata e una trasportata nel carrellino). Le bici verranno usate principalmente per i problemi che accadono nel centro città, dove spostarsi con i camion è più difficile; sarà fondamentale naturalmente scegliere con attenzione i casi in cui mandare una bici.

Questo è solo un esempio di come le bici elettriche permettano l’uso della bicicletta anche in contesti e modi prima impensabili. A nessuno sarebbe venuto in mente di trasportare un kit di pronto intervento da 70 kg su una bici normale, ma con le ebike le possibilità si espandono.

Sarebbe divertente capire cosa passa per la mente di una persona bloccata nel traffico con l’auto in panne, che vede un ciclista arrivare agevolmente, riparargli il problema e ripartire, sparendo in lontananza mentre l’automobilista rimane ancora bloccato nel traffico… chissà che non decida di comprarsi una bicicletta anche lui?

Ecco un video di promozione dell’iniziativa:

Ti potrebbe interessare anche:

il nostro manuale sulle bici elettriche (in formato cartaceo o ebook).

il nostro corso sulle bici elettriche

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »