MENU

Bici elettriche Bad Bike

28 Aprile 2014 • Ultime notizie

(articolo sponsorizzato)

Non tutti sanno che l’Italia è uno fra i paesi europei più attivi nella produzione e commercializzazione di biciclette. Se finora gli sforzi erano concentrati soprattutto sulle bici da corsa, negli ultimi anni diverse aziende hanno deciso di lanciarsi nel settore delle bici elettriche con prodotti di qualità.

Logo Bad Bike

Fra queste aziende possiamo annoverare sicuramente la Bad Bike di Napoli, presente ormai da diversi anni sul mercato con bici a pedalata assistita caratterizzate da una grande attenzione al dettaglio e alla qualità di telaio e componenti, unite a una decisa attrattività estetica.

Impatto visivo e qualità dei mezzi

Bici elettrica Bad Bike

Abbiamo potuto toccare con mano le bici Bad Bike al recente BiciLive Expo di Roma, dove il loro stand era fra i più interessanti. In un contesto in cui i vari espositori presentavano bici tutte molto simili fra di loro, quelle di Bad Bike spiccavano per la ricercatezza del design, sia per quanto riguarda le forme dei telai che per le scelte cromatiche. Esaminando da vicino le bici, abbiamo notato come oltre all’impatto visivo Bad Bike fosse attenta soprattutto alla progettazione tecnica dei suoi mezzi.

Bici elettrica Bad BikeIn particolare, la cosa che subito salta agli occhi è la corona anteriore da 52 denti che le bici montano. Questa permette di regolare più facilmente il proprio sforzo fisico. Su molte altre bici elettriche infatti, alla velocità massima (25 km/h) ci si ritrova a mulinare i pedali a vuoto, ed è difficile contribuire allo sforzo del motore. Con la corona da 52 montata sui modelli Bad Bike è sicuramente possibile la “pedalata simbolica”, se non si vogliono fare sforzi, ma si è anche in grado di spingere effettivamente sui pedali e aiutare il motore anche alle alte velocità, aumentando di conseguenza la durata della batteria.

Inoltre, le bici hanno tutte componenti di buona qualità, quali freni a disco, selle comode, copertoni antiforatura ben scelti per l’uso tipico dei diversi mezzi…Bici elettrica Bad BikeLa qualità si misura anche sulle cose apparentemente piccole: per fare un esempio, nella nostra recensione del modello pieghevole Awy abbiamo notato come i cavi fossero raccolti in guaine che rendono più ordinata la bici; inoltre, sul telaio della Awy è presente una specie di manico che aiuta molto a sollevare la bici.

L’importanza della garanzia

Bici elettrica Bad Bike

Comprare una bici elettrica è una scelta importante. Si tratta di mezzi che possono effettivamente andare a sostituire l’automobile, con una spesa di gestione veramente bassa e una facilità d’uso imbattibile. Troppe persone scelgono di acquistare “bici elettriche” (fra molte virgolette) di scarsa qualità, magari prese nei supermercati o nei grandi magazzini, rimanendo delusi quando dopo poche settimane d’uso cominciano già a dare segni di rottura. E la garanzia? E’ spesso solo sulla carta.

Se si sceglie di passare alla “mobilità dolce” offerta dalle bici elettriche, è meglio affidarsi a costruttori seri, che offrono bici di qualità e un’ottima assistenza post-vendita. Bad Bike garantisce il telaio delle proprie bici per ben 7 anni. Anche gli altri componenti sono coperti da garanzia, seppure per un tempo minore, e Bad Bike consiglia ai propri clienti di effettuare revisioni regolari della bici presso il rivenditore, per mantenerla sempre alla massima efficienza.

 La gamma di bici Bad Bike

Sono 6 i modelli della gamma Bad Bike, presentati chiaramente sul sito ufficiale dell’azienda di Napoli, e insieme coprono praticamente ogni esigenza di mobilità. Andiamo a conoscerli più da vicino.

Freedom

La Freedom è una bella bici a metà fra lo sportivo, come suggeriscono le linee aggressive, e il rilassato, come testimoniato dal funzionale portapacchi in cui è alloggiata la batteria. La forcella ammortizzata è regolabile e bloccabile, i freni sono del tipo a disco (meccanici, quindi con una manutenzione molto facile) e il cambio uno Shimano a 8 velocità.

Bici elettrica Bad Bike

La Freedom è in vendita a 1698€ IVA inclusa

Awy

La Awy è il modello che conosciamo meglio, in quanto lo abbiamo avuto a disposizione per diversi giorni per testarlo approfonditamente. Si tratta di una bici pieghevole che, grazie ai copertoni larghi e all’ammortizzazione di sella e forcella, risulta particolarmente efficace nelle strade delle nostre città, troppo spesso coperte di buche che vengono agevolmente superate in sella a questa bici. Da ripiegata, ha dimensioni di circa 40 x 90 x 70 cm, si può inserire nella apposita borsa trolley, ed è possibile il trasporto gratuito sui treni, aliscafi e aerei in Italia; la borsa una volta arrivati a destinazione si ripiega e va alloggiata sul piccolo portapacchi posteriore della bici, consentendo il massimo della mobilità al minimo costo.

Bici elettrica Bad Bike

La Awy è in vendita a 1398€ IVA inclusa

Arrow

La Arrow è il modello più sportivo prodotto dalla Bad Bike, con linee che richiamano quelle delle mountain bike. Grazie ai copertoni tassellati (da 26″ o 28″) e alla forcella ammortizzata, la Arrow non teme gli sterrati, da percorrere in sicurezza grazie ai potenti freni a disco idraulici.

Bad Bike Arrow

La Arrow è in vendita a 1798€ IVA inclusa

Faster

La Faster è un’altra bici da design particolare e futuristico, anche questa assemblata con componenti di alta qualità, simili a quelli montati sulla Arrow.


Bici elettrica Bad Bike

La Faster è in vendita a 1898€ IVA inclusa

Beach

Questa Bad Bike Beach è forse il modello con il telaio dalla forma più particolare, fra quelli proposti dalla azienda napoletana. La forma ricorda quella di certe moto, e non a caso a questa Beach può essere abbinato un accessorio molto particolare: un seggiolino con ruota che la trasforma in una “sidebike” che non passerà certo inosservata.

Bici elettrica Bad Bike

La versione base costa 1398€, mentre quella con il sidebike è in vendita da 2498€, IVA inclusa

Wonder

Infine, Wonder è una bici elettrica da città dal design più classico, per non dimenticare chi vuole una bici soprattutto comoda da usare grazie al telaio a scavalco basso e al portapacchi posteriore, su cui è facile montare un seggiolino per bambini.

Bici elettrica Bad BikeIl prezzo della bici è di 1398€ IVA inclusa.

 

Tutte le bici Bad Bike hanno un motore al mozzo posteriore da 36V e 250W, con l’opzione di montarne uno da 350 (versione USA) o anche 500W (in questo caso però la bici dovrà essere immatricolata come ciclomotore elettrico).

E’ inoltre disponibile una gamma di numerosi accessori originali per completare la dotazione delle bici, come borse portapacchi, cestino anteriore, seggiolini, e altro ancora.

Per maggiori informazioni si veda il sito ufficiale Bad Bike, o la pagina Facebook badbikeindustry.

Bici elettrica Bad Bike

Ti potrebbe interessare anche:

il nostro manuale sulle bici elettriche (in formato cartaceo o ebook).

il nostro corso sulle bici elettriche

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »