MENU

Motori per mtb elettriche Yamaha PW-X per il 2017

L’evoluzione della tecnologia nel settore delle bici elettriche (e in particolare delle mountain bike elettriche) continua in maniera costante. Pochi giorni fa Yamaha ha presentato la nuova versione del suo motore per mtb elettriche, lo Yamaha PW-X, che sarà disponibile nei modelli della gamma 2017. La concorrenza fra Yamaha, Bosch e Brose sta portando a veloci e grandi miglioramenti, a beneficio dei biker elettrici che hanno a disposizione modelli sempre più evoluti.

Le novità dello Yamaha PW-X per le mtb elettriche 2017

Il nuovo sistema PW-X (comprendente non solo il motore in sé, ma anche la centralina, la batteria e i comandi al manubrio) ha una serie di novità e vantaggi rispetto alla versione precedente, nota come PW.

Fra le novità più importanti sono quelle relative al peso e alle dimensioni del motore. Grazie a componenti più leggeri, è stato possibile ridurre il peso del motore di ben 380 grammi: il motore PW-X pesa infatti 3,1 kg, contro i 3,5 del “vecchio” PW. Un minore peso si traduce ovviamente in maggiori prestazioni, a parità di potenza del motore.

Anche le dimensioni del motore sono diminuite di circa il 13%. Questo permetterà ai produttori di bici elettriche di progettare telai con un’integrazione ancora migliore con il motore; il risultato estetico sarà di migliore effetto, ma anche la distribuzione dei pesi ne beneficerà: un motore più compatto aiuta a mantenere basso il baricentro della bici. È anche possibile scegliere di utilizzare lo spazio risparmiato per delle eventuali placche di protezione del motore, per evitare che i sassi scagliati dalla ruota anteriore lo danneggino.

confronto motore Yamaha

Nell’immagine il confronto fra il “vecchio” motore PW e la nuova versione PW-X

Nel ridurre peso e dimensioni ha aiutato anche il passaggio al movimento centrale ISIS da 128mm, standard nel mondo delle mtb.

Un’altra grossa novità è a livello della centralina: essa permette infatti ora di scegliere fra 5 livelli di assistenza, e non più 4 com’era sul PW. Ricordiamo che i primi motori Yamaha avevano solamente 3 livelli: 4 o 5 livelli sono a nostro avviso una scelta migliore, soprattutto per le mtb elettriche dove è importante poter controllare accuratamente l’erogazione di potenza da parte del motore, a seconda del terreno su cui ci si trova ma anche della durata del tragitto. Non crediamo che questo trend continuerà: 6 livelli sarebbero troppi.

In ordine dal meno al più performante abbiamo quindi i livelli Eco+, Eco, Standard, High, e il nuovo livello Extra Power (EXPW). Le varie modalità erogano rispettivamente il 50%, 100%, 190%, 280% e 320% della potenza erogata dal ciclista (se ad esempio il ciclista pedala a 100W in modalità Standard il motore erogherà 190W). Con la nuova modalità Extra Power il motore può erogare una coppia massima di 80Nm; superate le 70-80 pedalate al minuto la coppia va a diminuire, ma il motore riesce a spingere comunque fino a circa 120 pedalate al minuto (il motore PW si fermava al raggiungimento di circa 100 pedalate al minuto). Molto importante anche un altro dato messo a disposizione da Yamaha, e cioè il fatto che il motore PW-X 2017, soprattutto in modalità Extra Power, riesce a erogare la sua potenza più velocemente di quanto non facesse il PW, grazie a miglioramenti negli ingranaggi interni. Questo facilita ad esempio le partenze da fermo in salita.

grafico confronto motori Yamaha per mtb elettriche

A sinistra vediamo come con la modalità EXPW sia possibile far erogare al motore una maggiore coppia (80Nm invece di 70Nm). A destra vediamo come il nuovo motore PW-X sia più reattivo

Nuova batteria da 500Wh

Inutile avere un motore così efficiente se non si ha energia a disposizione per alimentarlo. Per questo Yamaha segue la mossa fatta da Bosch l’anno scorso, realizzando una batteria da 500Wh (al posto dei precedenti 400Wh) mantenendo uguali le dimensioni. Naturalmente il consumo di batteria dipende da moltissimi fattori, ma in media i 100Wh in più dovrebbero permettere di coprire circa 300-400 metri di dislivello positivo in più. Parliamo di dislivello positivo invece che di chilometri in quanto nell’uso che si fa delle mtb elettriche ha molto più senso usare questa unità di misura: sono le salite quelle che contano.

La nuova batteria è compatibile anche con i vecchi sistemi PW.

sistema per bici elettriche Yamaha PW-X

Le novità sul manubrio

Anche i componenti da montare sul manubrio sono cambiati. La pulsantiera ha un look più aggressivo e ergonomico.

Il display segue gli ultimi trend del settore facendosi più piccolo e, a quanto sembra, più robusto. Offre naturalmente le solite informazioni relative alla velocità, alla carica della batteria, e al percorso compiuto. Non mancano le funzionalità di connessione con smartphone e altri accessori.

Interessante il fatto che nella parte superiore del display è presente un led luminoso che permette di avere sempre sott’occhio la modalità di assistenza scelta. Il led si accenderà infatti di luce verde con le modalità Eco+ ed Eco, luce blu per le modalità Standard e High, e luce gialla per la modalità Extra Power; in questo modo è possibile avere un feedback visivo della modalità scelta solo con “la coda dell’occhio”, senza dover distogliere lo sguardo dal sentiero per andare a leggere il display.

comandi e display nuovi motori Yamaha

Conclusione

mtb elettrica con motore Yamaha PW-X

I motori Yamaha sono tradizionalmente disponibili solamente sui marchi Haibike e Winora (entrambi facenti parte del gruppo Accell), e sembra che continuerà a essere così. Ricordiamo che la gamma di mtb elettriche Haibike che monta motori Yamaha si chiama Sduro, mentre con Xduro si identifica la gamma che monta motori Bosch.


Questa versione PW-X del motore Yamaha conferma che le aziende produttrici di bici elettriche vogliono puntare sempre più sulle mtb elettriche, che si stanno rivelando una vera miniera di soldi. Per questo si punta a motori con coppia sempre maggiore, e batterie a più alta capacità. La ricerca tecnologica si paga, ed è per questo che questi mezzi hanno prezzi non indifferenti; la grande competizione fra i vari produttori potrebbe però contribuire a non far alzare troppo il prezzo per il consumatore.

Ti potrebbe interessare anche:

il nostro manuale sulle bici elettriche (in formato cartaceo o ebook).

il nostro corso sulle bici elettriche

Articoli correlati

One Response to Motori per mtb elettriche Yamaha PW-X per il 2017

  1. mario ha detto:

    veramente con lo Yamaha ci stanno pure BH e Atala… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *