MENU

ISO 4210-10: uno standard mondiale per la sicurezza delle bici elettriche

1 Giugno 2016 • Approfondimenti tecnici

Connettori batteria

I connettori di una batteria in una bici elettrica

Le bici elettriche moderne, soprattutto quelle prodotte in serie e che montano i più moderni motori, sono dei prodotti molto sicuri per il consumatore. Quasi tutte le centraline sono tarate per funzionare a 36V, un voltaggio che non provoca problemi neanche nel caso (molto raro) in cui il ciclista si trovi a toccare cavi esposti. Per il dispiacere di tutti gli appassionati del fai-da-te, si va sempre di più verso biciclette con soluzioni integrate, in cui l’utente non può praticamente intervenire sulla parte elettrica in caso di guasto.

Le bici elettriche vendute in Europa devono soddisfare i requisiti dello standard EN15194 relativamente alla sicurezza dell’utente finale. Tuttavia, viviamo ormai in un mondo iperglobalizzato, in cui standard limitati a singole aree geografiche come quella europea non sono più sufficienti. È per questo che ci si sta lentamente accordando su uno standard mondiale, chiamato ISO 4210-10, in fase di sviluppo. Pochi giorni fa si è tenuta a Shanghai una conferenza di quattro giorni per far andare avanti il processo di approvazione di questo standard. Si tratta di questioni tecniche molto complicate, in cui indubbiamente si infilano anche questioni commerciali strategiche, per cui non si prevede l’approvazione dello standard prima di altri 2-3 anni.

Lo standard ISO4210-10 è parte del settore ISO4210, relativo alle biciclette in generale. I numeri dopo il trattino indicano i vari sottosettori di questo standard, e il decimo è per l’appunto quello relativo alle bici elettriche.


Questi standard di sicurezza riguardano anche questioni come la compatibilità elettromagnetica. In un mondo pieno di gadget elettronici come il nostro, è necessario che i campi elettromagnetici generati non vadano a influire negativamente sul funzionamento di apparati fondamentali come ad esempio i pacemaker.

Lo sviluppo di standard mondiali, come anche quello relativo all’interfaccia centralina-batteria-motore, fa parte del processo di maturazione di questi mezzi. Se pensiamo a prodotti come computer, smartphone o anche automobili, gli standard (di sicurezza ma non solo) sono molto più affermati, permettendo un vero mercato globale. Che lo si voglia o no, il futuro delle bici elettriche passa anche da qui.

Ti potrebbe interessare anche:

il nostro manuale sulle bici elettriche (in formato cartaceo o ebook).

il nostro corso sulle bici elettriche

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »