MENU

Bici elettrica ultraleggera Maxwell EPO: le scelte tecniche che la rendono possibile

6 Luglio 2015 • Approfondimenti tecnici

La bici elettrica che presentiamo oggi ha una particolarità: pesa solo 12 kg. Come è possibile un peso così basso rispetto alle altre ebike?

ebike leggera maxwell epoLe bici elettriche non sono più i “mostri” pesantissimi di qualche anno fa, quando ancora si usavano le batterie al piombo. Con le moderne batterie al litio, il peso medio di una bici elettrica è calato di molto. Tuttavia, è innegabile che sono ancora più pesanti delle bici “normali”. Per chi ha particolari esigenze (come ad esempio il dover sollevare spesso la bici, per trasportarla lungo le scale) il peso può essere un problema. Ecco perché la ricerca tecnologica volta ad abbassare sempre più il peso delle bici elettriche continua. Un team di ragazzi americani è riuscito a realizzare una bici elettrica dal peso di soli 12 kg, la Maxwell EPO, oggetto al momento di una campagna di finanziamento su Kickstarter. I componenti elettrici inoltre sono molto ben nascosti, tanto che a uno sguardo superficiale è difficile capire che si tratta di una bici elettrica. Vediamo quali sono le scelte tecniche che rendono possibile realizzare una bici elettrica così leggera.

I componenti meccanici

bici elettrica leggera maxwell epo

Prima di tutto vediamo che dal punto di vista dei componenti meccanici ci troviamo di fronte a una bici essenziale, dove tutti gli accessori sono stati eliminati.

Niente portapacchi, niente parafango, niente luci, niente copricatena. La trasmissione è una single speed, quindi possono essere eliminati anche il deragliatore anteriore e posteriore, la seconda corona, il pacco pignoni, e i comandi al manubrio. La forcella rigida è più leggera di una ammortizzata, ma più scomoda in caso di asfalto dissestato. Anche le ruote sono votate alla leggerezza, con copertoni fini. In definitiva si tratta quindi di una bici da città, da usare principalmente con tempo bello e su asfalto liscio.

I componenti elettrici

Ma passiamo all’aspetto più interessante. Una bici elettrica pesa più di una bici normale perché è dotata di batteria, motore, centralina, comandi, cavi… È su questo aspetto che i ragazzi della Maxwell hanno lavorato di più.

Cominciamo dalla batteria: dov’è il tipico “scatolone” parallelepipedo? Come sappiamo, una batteria si compone al suo interno di tante piccole “celle”: immaginate tante batterie stilo collegate fra loro (stiamo semplificando molto per far capire). Ebbene, la bici elettrica ultraleggera Maxwell EPO monta le singole celle direttamente all’interno dei tubi del telaio. In questo modo il peso è equamente distribuito lungo tutto il telaio, e la batteria è completamente invisibile.

bici elettrica leggera Maxwell EPO

Secondo la scheda tecnica, la batteria è da 250Wh, valore leggermente sotto la media delle bici elettriche da città. La batteria può essere ricaricata al 90% della sua capacità in 45 minuti.

Il motore è al mozzo anteriore. Si tratta di un modello estremamente piccolo e leggero, ma capace comunque di offrire una potenza di 300W, capace di far andare la bici a circa 32 km/h (anche grazie alla stessa leggerezza della bici). A questa velocità la Maxwell afferma che la batteria duri per circa 16-22 chilometri, aiutando però il motore con una leggera pedalata.

motore al mozzo

La centralina è all’altezza del movimento centrale, per tenere il peso basso e centrale.

La bici inoltre ci sembra avere solo una semplice pulsantiera sul manubrio, senza alcun display.

 In conclusione

Il peso totale della bici dovrebbe essere di 12 kg, che possono arrivare a 14 nel caso che si voglia un motore più potente. Non abbiamo potuto provare in prima persona la bici, quindi tutti i dati tecnici derivano dalle affermazioni fatte dalla Maxwell. A volte a una grande leggerezza non corrisponde una grande qualità, come abbiamo scoperto nel nostro test della Flebi EVO. Ci piacerebbe poter provare in prima persona questa Maxwell EPO per poterla toccare con mano e giudicare la qualità dei componenti. In ogni caso è molto interessante vedere quali scelte tecniche hanno reso possibile lo sviluppo di una bici elettrica ultraleggera.

In definitiva, questa ebike ultraleggera Maxwell EPO è una bici adatta a chi si sposta prevalentemente in città senza grandi salite e desidera una bici elettrica leggera e esteticamente molto simile a una bici normale.


 

Ti potrebbe interessare anche:

il nostro manuale sulle bici elettriche (in formato cartaceo o ebook).

il nostro corso sulle bici elettriche

Articoli correlati

One Response to Bici elettrica ultraleggera Maxwell EPO: le scelte tecniche che la rendono possibile

  1. Giorgio ha detto:

    mi chiedo se abbia senso una single speed elettrica e allo stesso tempo mi affascina per la sua essenzialità e invisibilità del sistemna elettrico. Che guarnitura monta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »