MENU

Arriva uno standard per le bici elettriche

27 Gennaio 2014 • Approfondimenti tecnici

(articolo aggiornato ad agosto 2014)

Standard ebike

Uno dei problemi del settore delle bici elettriche è la mancanza di standardizzazione. Si tratta di una caratteristica tipica dei settori giovani e in crescita: i produttori non si sono ancora accordati per stabilire degli standard riguardanti la connessione dei vari componenti elettrici delle bici.

Stabilire uno standard non vuol dire andare contro all’innovazione e alla concorrenza. Tutt’altro. Pensiamo ad esempio ai mouse dei computer: se ogni produttore di mouse avesse un diverso tipo di connettore per collegarli al computer, saremmo nel caos più totale. Al contrario, (quasi) tutti i mouse si connettono tramite lo standard USB; ogni produttore, rispettando questo standard, è libero poi di produrre il tipo di mouse che vuole, sapendo che potrà funzionare su tutti i computer.

Nel mese di gennaio si è fatto un passo avanti per arrivare alla stessa situazione per quanto riguarda le bici elettriche: è utile infatti avere delle connessioni standardizzate, ad esempio fra la batteria e il motore. In questo modo, se si rompe la batteria, è possibile comprare quella sul mercato che più ci soddisfa, essendo sicuri che funzionerà senza problemi. ExtraEnergy e CAN hanno approvato la versione 2.0 del Protocollo CiA 454 CANopen Application Profile/EnergyBus. Si tratta in pratica di un aggiornamento dello standard EnergyBus, introdotto nel 2010, già usato da alcuni produttori di bici elettriche.


Lo standard è stato presentato ufficialmente qualche settimana fa, a metà luglio. Hannes Neupert di EnergyBus sottolinea soprattutto i vantaggi per i sistemi di noleggio bici e bike sharing. “Con la versione 2.0 dello standard CiA 454 niente ormai impedisce la diffusione di un’infrastruttura per la ricarica e il blocco sicuro dei Veicoli Elettrici Leggeri. E’ aperto anche il mercato della gestione di parcheggi. I sistemi di noleggio non devono più essere legati a un singolo produttore. I fornitori di veicoli possono essere cambiati, oppure si può estendere la flotta di veicoli per andare meglio incontro alle necessità degli utenti, senza investire in una nuova infrastruttura di ricarica. CiA 454 rimarrà valido per i prossimi 10 o anche 20 anni

L’aggiornamento di questo standard lo pone in una posizione di vantaggio in una conferenza internazionale che si terrà nel corso dell’anno in India, dove si faranno altri passi avanti verso la standardizzazione dei componenti non solo delle bici elettriche, ma dei cosiddetti LEV (Light Electric Vehicle, Veicoli elettrici leggeri) in generale.

Ti potrebbe interessare anche:

il nostro manuale sulle bici elettriche (in formato cartaceo o ebook).

il nostro corso sulle bici elettriche

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »