MENU

Bici elettriche pieghevoli – Guida all’acquisto

2 ottobre 2013 • Guida all'acquisto

Inutile negarlo: in Italia non c’è ancora la cultura della bici che si può trovare in altri paesi europei. Questo si può notare in diverse occasioni, e anche nei momenti in cui la bici…non si usa!

Un impiegato olandese che arriva al posto di lavoro può spesso contare su un parcheggio sicuro per la sua bici all’interno dell’azienda. Un suo collega tedesco può benissimo pedalare dalla sua casa in campagna alla stazione ferroviaria, lasciare la bici in un parcheggio gestito, e prendere il treno per Berlino; oppure, quando vuole fare un giro turistico, caricarla su appositi vagoni sul treno, raggiungere la sua destinazione, e continuare di nuovo il viaggio in bici. Da noi queste cose sono spesso più complicate da farsi.


Bici elettriche pieghevoli

Una bici elettrica pieghevole si può facilmente riporre in un angolo dell’ufficio

Ecco che vengono in aiuto le bici elettriche pieghevoli. La loro caratteristica principale è quella di potersi appunto ripiegare su sé stesse, ed occupare quindi uno spazio più ridotto rispetto al normale. Quasi sempre le bici elettriche pieghevoli hanno anche ruote più piccole (16-20 pollici), riducendo ancora di più l’ingombro e il peso. Ciò permette a chi le usa di portarle più facilmente con sé, nei mezzi pubblici o in ufficio. Una bici elettrica pieghevole, da chiusa, ha lunghezza e larghezza inferiori al metro, e una profondità inferiore al mezzo metro.

Oltre ai consigli generali per l’acquisto di una bici elettrica, quando si compra una bici elettrica pieghevole è necessario fare attenzione al punto più delicato: la cerniera appunto. Comprare una bici di una marca affidabile, che produce bici pieghevoli da anni, aiuta a stare tranquilli. Quando provate la bici comunque testate anche il modo con cui si apre e si richiude. Si può fare facilmente, velocemente, e senza rischiare di sporcarsi? I cavi (di freno, cambio, motore, computer…) sono ben protetti, e non rischiano di torcersi troppo o spezzarsi? Allora la bici è adatta, e vi permetterà di aumentare ancora di più il numero di occasioni in cui potete pedalare, sapendo che potrete facilmente trasportare la bici sui mezzi pubblici o lasciarla al sicuro in ufficio.

Abbiamo provato numerose bici elettriche pieghevoli; per saperne di più, visitate la nostra pagina delle recensioni.

Ti potrebbe interessare anche:

il nostro manuale sulle bici elettriche (in formato cartaceo o ebook).

il nostro corso sulle bici elettriche

Articoli correlati

2 Responses to Bici elettriche pieghevoli – Guida all’acquisto

  1. Andrea ha detto:

    Ottima descrizione. Io ho sempre usato sia bici normali (per sport o escursioni nel weekend) che bici elettriche pieghevoli per andare al lavoro. Da quando ho preso una pieghevole elettrica arrivo al lavoro non più sudato e mettendoci anche meno tempo!

  2. […] soprattutto ai pendolari che vogliono portare la bici sul treno o su un autobus, sono quelli pieghevoli. Infine, abbiate chiara in mente la distinzione fra bici elettriche a pedalata assistita e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »